Le aziende che hanno svolto attività di ricerca e sviluppo di nuovi prodotti e processi nell’esercizio 2020 beneficiano di un credito d’imposta sulle spese sostenute per questi progetti. L’agevolazione aumenta per le attività condotte nel corso dell’esercizio 2021.

Beneficiari

L’agevolazione è destinata a tutte le imprese, indipendentemente dalla forma giuridica.

Attività agevolate

Sono ammissibili le attività di ricerca, sviluppo e innovazione che presentano le seguenti caratteristiche: novità (rispetto al mercato di riferimento), creatività, incertezza del risultato (difficoltà tecnico-scientifiche da superare), sistematicità, riproducibilità. 

Per verificare se la vostra attività è ammissibile al credito d’imposta clicca qui.

Costi ammissibili

I costi ammissibili sono relativi a:

  1. spese per il personale tecnico impiegato nelle attività di R&S (inclusi gli amministratori);
  2. spese relative a contratti di ricerca (consulenze) stipulati con altre imprese, con università, enti di ricerca ed organismi equiparati;
  3. quote di ammortamento di strumenti e attrezzature in relazione alla misura e al periodo di utilizzo per l’attività di ricerca e sviluppo e comunque con un costo unitario non inferiore a 2.000 €;
  4. spese relative a brevetti per invenzioni industriali;
  5. spese per materiali per prototipi e impianti pilota.

Misura dell'agevolazione

Il credito d’imposta viene riconosciuto sulla base di aliquote differenziate a seconda della tipologia di innovazione:

  • Ricerca industriale e sviluppo sperimentale fino a 3 milioni di euro: aliquota al 12% (sale al 20%, con soglia a 4 milioni di euro, dal 2021)
  • Innovazione tecnologica fino a 1,5 milioni di euro: aliquota al 6% (sale al 10%, con soglia a 2 milioni di euro, dal 2021)
  • Innovazione green o digitale fino a 1,5 milioni di euro: aliquota al 10% (sale al 15%, con soglia a 2 milioni di euro, dal 2021)
  • Design e ideazione estetica (sono ora ammesse anche le quote di ammortamento dei software ) con massimale di 1,5 milioni di euro: aliquota al 6% (sale al 10%, con soglia a 2 milioni di euro, dal 2021)

Non vi è un limite minimo di spesa per accedere al contributo.

Procedura

Per accedere al credito d’imposta è necessario rendicontare le spese dell’esercizio di interesse; tali attività richiedono l’uso di procedure e competenze specifiche e risulta opportuno affidarle a un professionista esperto.

I costi rendicontati dovranno essere certificati da un soggetto preposto, un revisore dei conti o una società di revisione; i costi relativi a tale attività sono rendicontabili nel limite di 5.000 euro. Il credito d’imposta viene indicato nella dichiarazione dei redditi e si utilizza in compensazione.

I tecnici di ThinkEnergy hanno un’esperienza di oltre 15 anni nella rendicontazione dei progetti di ricerca; non esitare a contattarci per valutare se la tua azienda può ottenere il credito d’imposta!

Ultimo aggiornamento 04/01/2021